Chi sono ?

Le mie foto
La cucina é manualità,attenzione all'abbinamento di gusto e colore,creatività e rigore in un mix perfetto... Il design vi si fonde e si sublima. Ecco perché é una mia passione da sempre come lo sono la moda, la decorazione d'interni ed il "fatto a mano" nelle sue infinite sfaccettature..

mercoledì 23 ottobre 2013

Lievito Madre alla farina di segale



Qualche giorno fa un nuovo esperimento  con gli avanzi del rinfresco della mia pasta madre mi ha dato molta soddisfazione.
Ho ottenuto un simil pane arabo/pita che ho postato anche qui
Un'amica proprio su instagram poi vedendo il mio lievito madre mi ha chiesto come lo faccio e mi ha fatto ricordare che in realtà è il prodotto di due differenti che un bel giorno ho deciso di unire..
Ci sarà chi senz'altro inorridirà al solo pensiero e ne chiedo anticipatamente scusa ma vi assicuro che il mio lm è un piccolo tesoro che mi ripaga con grandissime gioie.
Il primo esperimento che risale al 2010 è stato seguendo la ricetta ed i preziosi consigli di una cookina fantastica (VecchiaSaggia)su un noto forum di cucina con un occhio alle collaudatissime indicazioni delle SorelleSimili sul loro "Pane e roba dolce".
Così è nata la prima..

La seconda, a mio parere dal risultato più sicuro, è venuta un pò dopo, sempre nella primavera del 2010 e di questa vi riporto la ricetta passo passo che allora avevo postato qui

-Ricetta-
     
*Un piccolo vasetto da conserva ( da 250/300 ml ) per farla partire andrà benissimo
* riempirlo per metà d'acqua a temperatura ambiente
* versarvi tre cucchiai da caffé di farina di segale
* coprire con un cerchio di garza o carta di riso (io) e fermarlo con un elastico (deve respirare)
* riporre in luogo riparato(io nel forno spento)
* dopo 2 giorni e sempre così fino ad arrivare a dieci(giorni) aggiungere al composto 3 cucchiai da caffé di farina (no altra acqua perché tenuta abbondante volutamente dall'inizio)
* al dodicesimo giorno dall'avvio dovrà risultare una pastella molto morbida,con un piacevole profumo di lievito naturale (quasi per nulla acida)

* a questo punto comportarsi come per i normali rinfreschi (ogni 2/3 giorni):
prelevarne una parte ( io 50gr )
aggiungere pari peso di farina leggermente tagliata con segale ( io 40+10 )
e 20/25 gr acqua
andando progressivamente a sostituire la farina normale a quella di segale



Per un certo periodo le ho tenute entrambe, rinfrescandole ed accudendole separatamente poi mi sono decisa e un bel giorno le ho unite ottenendone una unica..
non me ne sono mai pentita
Sotto il banner il link diretto alle ricette con, a lato l'elenco per nome.
 Se vi venisse voglia di provarla..
AnnaP 

2 commenti:

  1. be'.. mi hai incuriosita.. e sono passata per un salutino..

    .. e.. hai fatto bene a facilitarti la vita con un solo prodotto.. e non è detto che questa volta non sia tu la mia ispiratrice...

    ciao un abbraccio
    Linda
    (la vecchia saggia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Linda ;-)...
      In effetti sai che è un portento?! Ho persino messo in parcheggio quella del Grande Maestro Adriano ( pena scomunica ;-D ).
      Tu resti sempre per me un porto sicuro
      ps.sorbetto pompelmo ok
      Un abbraccio

      Elimina

✿❤ Grazie se passate a trovarmi ed è un piacere leggere quello che avete da dirmi ❤✿

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...